Museo geologico delle Dolomiti di Predazzo

Dove le rocce raccontano storie

Hai mai toccato la Dolomia? Come è fatto il fossile di un organismo che ha vissuto milioni di anni fa? Cosa sono quei minerali luccicanti che puoi scovare lungo i sentieri?

Al Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo, in Val di Fiemme, rocce, minerali e fossili ti raccontano vicende e storie che fanno parte di noi e del paesaggio che abitiamo.
 
Circondato dalle montagne Patrimonio Mondiale UNESCO, il museo custodisce oltre 12mila reperti, tra cui la più ricca collezione di fossili invertebrati delle scogliere medio-triassiche d’Italia.
 
Parti per un viaggio nella storia geologica delle Dolomiti, tra bellezza e fragilità, sulle tracce di ciò che da secoli ci lega a queste vette, dalle avventure dei primi scienziati, esploratori e alpinisti di inizio Ottocento a oggi.

Durante l’estate il museo si anima e diventa palcoscenico per spettacoli, eventi e attività per tutte/i.

Per la scuola

  • Scopri di più

Domande Frequenti

Tutte le FAQ

Puoi acquistare i biglietti online a questo link.
Dovrai scegliere il giorno e la fascia oraria in cui intendi visitare il museo – non potrai accedere prima dell'orario prenotato.

Al termine dell'acquisto riceverai una e-mail di conferma con il biglietto in formato pdf: mostralo al personale della biglietteria il giorno della visita.

Puoi acquistare i biglietti anche direttamente alla cassa del museo.

I biglietti non sono rimborsabili.

Per prenotare la visita guidata chiama il n. 0462 500366 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17, oppure scrivi a museo.predazzo@muse.it.

Pagherai alla cassa il giorno stesso della visita.

Sì, il museo è privo di barriere architettoniche.

In piazza SS. Filippo e Giacomo puoi trovare una decina di parcheggi a pagamento.
In via professor Dellagiacoma, sul retro del museo, puoi trovare parcheggi gratuiti con disco orario e alcuni posti riservati per persone con disabilità.
Infine, puoi trovare un parcheggio a pagamento vicino al cinema, a cinque minuti a piedi dal museo.

Tutte le FAQ

Seguici sui social!

  • Facebook