CONOSCERE PER TUTELARE

Incontri al museo per parlare di fauna

06/06/2022
“Conoscere per tutelare” è il titolo della serata dedicata alle attività di studio e monitoraggio che da diversi anni il MUSE – Museo delle Scienze svolge nella Rete Natura 2000 del Trentino, in collaborazione con le Reti di Riserve e il sistema delle aree protette della PAT. Le ricerche possono contare sul supporto di numerosi appassionati di natura che contribuiscono alla raccolta di dati preziosi per la conservazione delle specie. L’incontro, con la partecipazione degli ornitologi del MUSE Chiara Fedrigotti, Luigi Marchesi, Franco Rizzolli e Paolo Pedrini, si terrà mercoledì 8 giugno 2022 alle 20.45. L'evento verrà trasmesso in diretta anche sul profilo Facebook del MUSE.

 In apertura, uno sguardo d’insieme sullo stato di conservazione dell’avifauna, delle sue specie più caratteristiche e dei luoghi dove gli uccelli vivono, sarà l’occasione per ricordare il contributo delle aree protette alla tutela della biodiversità. Al contempo, si descriveranno le possibili azioni utili per una conservazione diffusa dell’ambiente naturale; piccole attenzioni e interventi che ciascun cittadino può contribuire a mettere in pratica, a beneficio di tutto l’ecosistema.
Sullo sfondo, il ritratto di una Natura che - dopo 35 anni di protezione, a partire dai confini delle aree protette - si è gradualmente diffusa attraverso il territorio ed è oggi parte integrante dei nostri luoghi di vita: da quelli a noi più prossimi (campagne, laghi, centri abitati), a quelli più remoti delle alte quote. Dall’istituzione dei primi piccoli “biotopi”, negli anni Ottanta del secolo scorso, si passerà quindi a descrivere l’avifauna che popola i laghi di fondovalle, quella dei boschi vetusti e delle foreste mature, fino a tratteggiare le affascinanti abitudini dei rapaci diurni e notturni presenti in altri contesti ambientali. 

Le voci degli ornitologi e naturalisti, da tempo impegnati in queste ricerche, faranno da guida in un discorso articolato e ricco di spunti, per scoprire comportamenti e abitudini di specie elusive e rare e svelare le sorprendenti possibilità di incontro con i tanti uccelli con cui condividiamo gli spazi della nostra quotidianità. La presentazione di alcuni risultati scientifici contribuirà a dare ulteriore valore alle ricerche effettuate e alle relazioni che le hanno rese possibili, permettendo di delineare numerose indicazioni per una conservazione attiva della biodiversità della nostra provincia.
 
{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}