Rifugi alpini ieri e oggi

Un percorso storico tra architettura, cultura e ambiente

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
 
La mostra "Rifugi alpini ieri e oggi. Un percorso storico tra architettura, cultura e ambiente" approda per la prima volta in Val di Fiemme, a Predazzo, dove sarà allestita dal 18 dicembre al 10 febbraio 2016 nella sala Nave d'Oro del Museo Geologico delle Dolomiti.

Attraverso 64 tele di grande formato, la mostra curata da Luca Gibello presidente dell'associazione culturale Cantieri d'alta quota, ripercorre alcune tappe fondamentali della storia della costruzione dei rifugi e bivacchi nell'intero arco alpino, con una sequenza di suggestive immagini d'epoca e disegni, affiancati da recenti foto d'autore.

Accanto alle aree della Valtellina, Canton Ticino, Bellunese, Cuneese, Valle Camonica e Friuli, grande spazio è riservato ai rifugi trentini, grazie a un approfondimento realizzato in occasione del convegno Internazionale "Rifugi in divenire", tenutosi a Trento nel 2013 e organizzato dall'Accademia della Montagna del Trentino, per la cura scientifica di Cantieri d'alta quota.

L'inaugurazione della mostra, in programma venerdì 18 dicembre alle 17.00, sarà preceduta da una conferenza del curatore Luca Gibello, storico e critico di architettura, sul tema della storia dei rifugi e bivacchi alpini.

La mostra è patrocinata da Club alpino italiano, Museo nazionale della Montagna CAI Torino, Biblioteca nazionale CAI, e gode del sostegno dell'Ordine degli architetti di Udine (da dove è partita la tournée nel 2012), Club alpino svizzero, Accademia della Montagna del Trentino, Fondazione Courmayeur e ARCA, il marchio di qualità delle costruzioni in legno.

Luca Gibello è direttore de «Il Giornale dell'Architettura», ma anche appassionato alpinista. E' autore di "Cantieri d'alta quota. Breve storia della costruzione dei rifugi sulle Alpi" (Lineadaria editore, Biella 2011), nonché co-fondatore, nel maggio 2012, dell'omonima associazione culturale Cantieri d'alta quota, che ha per obiettivo quello di incentivare la ricerca, divulgazione e condivisione delle informazioni storiche, progettuali, geografiche, sociali ed economiche dei punti d'appoggio in alta montagna, luoghi «estremi» per eccellenza.

L'associazione culturale Cantieri d'alta quota
intende porsi come osservatorio e piattaforma d'interscambio per tutti coloro che operano in montagna, così come per coloro che la
frequentano.
Attualmente, grazie anche alla collaborazione dei soci, Cantieri d'alta quota si sta occupando del censimento dei rifugi e bivacchi dislocati lungo l'intera catena alpina nelle varie nazioni, con l'obiettivo sia di definire percorsi tematici a uso di escursionisti e alpinisti, sia di elaborare buone pratiche e linee guida d'intervento nella progettazione, manutenzione e gestione delle strutture.

 
 
Condividi
 
 
 
Mostra
Dove
Museo Geologico delle Dolomiti di Predazzo
Quando
Dal 18 dicembre 2015 al 19 febbraio 2016
Orari
Orari di apertura del museo
Per chi
Tutti
Biglietto
Tariffa compresa nel biglietto d'ingresso al museo