Vivibilità, biologia e cultura nei paesaggi delle Dolomiti UNESCO

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
In occasione dell’avvio della terza edizione del Master in World Natural Heritage Management si terrà giovedì 15 gennaio presso la sala conferenze del museo un incontro pubblico con Luca Mercalli.

Le lezioni della terza edizione del master saranno quest’anno inaugurate dal noto meteorologo e climatologo, esperto di storia del clima e dei ghiacciai delle Alpi che, insieme al Presidente del Comitato Scientifico del Master, Ugo Morelli, e al Direttore del MUSE, Michele Lanzinger, affronterà in un incontro aperto al pubblico il tema della relazione tra vivibilità, biologia e cultura nelle Dolomiti. Sono passati più di sessanta anni da quando Albert Einstein scriveva: “un essere umano è parte del tutto, che noi chiamiamo Universo, parte limitata nello spazio e nel tempo.

L’esperienza di se stessi come separati dal resto è “una specie di illusione ottica” della nostra coscienza di umani; questa illusione è come una prigione per noi, ci restringe ai nostri desideri personali. Il nostro compito deve essere liberarci di questa illusione, allargando il raggio della nostra compassione fino ad abbracciare tutte le creature e tutta la natura nella sua bellezza”.

Dobbiamo cercare di cambiare idea su noi stessi, sulla nostra partecipazione al sistema vivente e sui percorsi di sviluppo.

La natura evolutiva della vita ci deve indurre a pensare alla specie umana come “parte del tutto” e non come “una parte sopra le altre”: per questo è richiesta un’educazione all’appartenenza “Universale”, sempre e nello stesso tempo biologica e culturale, in cui il paesaggio, l’ambiente e il territorio sono una condizione costitutiva della vivibilità.

Da qui la necessità di valorizzare le distinzioni del territorio, quali sono le Dolomiti UNESCO, per un modello di sviluppo competitivo, leggero e internazionale.

 
 
Condividi
 
 
 
Conferenza
Dove
Quando
15 gennaio 2015
Orari
ore 20.00
Per chi
Tutti
Biglietto
ingresso libero