Musica MUSE - Storie di tango

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
Non si può spiegare il successo, la partecipazione così sentita, l'immensa diffusione del Tango se ci limitiamo a considerarlo solo una danza.

Il tango argentino nasce nella seconda metà dell'Ottocento da un'epopea migratoria che lega ingenuo ottimismo a frustrazione, paura, solitudine, risentimento e nostalgia. Quest'umanità frastornata si ritrova e si riconosce in una forma artistica condivisa, in grado di comunicare con il corpo, senza bisogno di parole.

Il fenomeno migratorio che lo ha generato continua ancora oggi, anche se a flussi invertiti, facendo sì che un vero "altrove" non esista più.
Ci sentiamo un po' tutti esuli in patria, siamo abitanti di una frontiera che ci mantiene in costante contatto con "l'altro"​, il "diverso". Il tango diventa quindi strumento di conoscenza, di approccio, di superamento della solitudine, come destino di ogni essere umano e come elaborazione della differenza.


Grazie alle geniali elaborazioni di Astor Piazzolla, resta sempre assai appropriata la definizione di Enrique Discepolo, paroliere di Gardel, quando afferma che il Tango è "un pensiero triste che si balla" .


Programma
Olivier Manourj / Al Che (bandoneon solo)
Osvaldo Pugliese / La Yumba
Astor Piazzolla / Adios Nonino - Soledad - Escualo
M. Dini Ciacci / I. Turso / Dark Tango (violino e pianoforte)
Astor Piazzolla / Milonga del Angel - La Muerte del Angel - Verano porteno
Vincente Greco / Ojos negros
Gerardo M. Rodriguez / La Cumparsita

J. Futura Ensemble
Olivier Manoury Bandoneon | Stefano Zanchetta Violino
Stefano Bianchini Contrabbasso | Maurizio Dini Ciacci Pianoforte
 
 
Condividi
 
 
 
Evento
Dove
Quando
9 dicembre 2013
Orari
Ore 20.45
Per chi
Tutti
Biglietto
Intero: 10 euro
Ridotto: 7 euro