MUSE::Next

Puntando al futuro

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
Un ciclo di tre incontri per geek e neofiti di tecnologia organizzati dal MUSE in collaborazione con Speck&Tech, per approfondire tematiche futuristiche legate al mondo tecnologico, ma non solo. A fine serata, come da ricetta Speck&Tech, birra e speck in compagnia.

Ingresso libero, prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.it


Prossimi appuntamenti

martedì 7 maggio, ore 20.30
Chi controllerà l'intelligenza artificiale?
Appuntamento conclusivo del ciclo di incontri MUSE::Next - Puntando al futuro, organizzato da MUSE e Speck&Tech, dedicato all’intelligenza artificiale.

Ray Kurzweil, inventore, informatico e saggista statunitense, nel 1990 affermò che entro 8 anni l’intelligenza artificiale avrebbe potuto battere quella umana in una partita a scacchi. Ed infatti nel 1997 il computer Deep Blue di IBM ha sconfitto il campione Gary Kasparov.
Oggi, Kurzweil sostiene che nel 2029 l’AI emulerà perfettamente le caratteristiche intellettuali ed emotive degli esseri umani. Alla luce di queste previsioni, è naturale domandarsi quanto sia fondata la preoccupazione di Stephen Hawking, che indicò nella stupidità umana e nell’intelligenza artificiale due dei tre pericoli più grandi che minacciano la nostra sopravvivenza (il terzo è l’inquinamento).

Quello che è certo è che uno strumento potente come l’AI pone dei problemi etici prima ancora che normativi. Come evitare che l’intelligenza artificiale riproduca e amplifichi i pregiudizi di chi la crea? Quando un computer sarà in grado di decidere su aspetti sempre più importanti della nostra vita, chi se ne assumerà la responsabilità?
Proveremo con i nostri ospiti a rispondere a queste ed altre domande sul rapporto tra etica e sviluppo tecnologico, in un ambito come l’AI che oggi cresce con estrema rapidità.

Paolo Traverso è il Direttore del Centro per le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione della Fondazione Bruno Kessler (FBK ICT IRST) dal 2008. Il Centro conta più di 200 dipendenti (ricercatori, sviluppatori, project managers e studenti di dottorato) che lavorano nei settori dell’intelligenza artificiale, della scienza dei dati e dell’apprendimento automatico, dei sistemi per la sicurezza.
Da gennaio è anche diventato consigliere scientifico del DFKI, il Deutsches Forshungszentrum für Künstliche Intelligenz di Saarbrücken, il più importante istituto a livello mondiale in materia. Per maggiori informazioni: https://ict.fbk.eu/people/detail/paolo-traverso/.  

Claudio Comandini, nato in Romagna all'inizio degli anni 80, laureato in Scienze dell'Informazione (aka informatica), ha speso una decina d'anni tra Milano e Bologna lavorando per una manciata di aziende di vario tipo: banche, motori di ricerca, consulenza, supply chain, centri di ricerca universitari. Nel 2015 inizia a sviluppare chatbots per conto della californiana Assist oggi parte di Conversocial. Director of Engineering del team che si occupa di automazione (ci sono tanti modi nel mondo per dire capo officina dei programmatori), attualmente coordina un team di scappati di casa sparso per il mondo che realizza una platform per la creazione di chatbot. Speaker occasionale ad eventi sulla tecnologia.


Appuntamenti passati

martedì 12 marzo, ore 20.30
Guida galattica per Specker
Tre nomi eccellenti nel panorama della ricerca scientifica e tecnologica legata allo spazio, tre storie che “profumano di stelle” perché parlano del nostro sistema solare da punti di vista diversi.
Il primo appuntamento sarà infatti dedicato alle esplorazioni spaziali e vedrà la partecipazione di Umberto Guidoni (astronauta), dell'astrofisico e youtuber Adrian Fartade e di Paolo Bellutta, ing. NASA in collegamento skype.

Umberto Guidoni
Astrofisico e scrittore italiano è, per gli italiani, l’astronauta per eccellenza. Primo europeo a salire sulla Stazione Spaziale nel 2001, ha partecipato a due missioni NASA: con lo Space Shuttle Columbia nel 1996 e con l’Endeavour nel 2001.

Adrian Fartade
Attore teatrale e divulgatore scientifico. Laureato in Storia e Filosofia e specializzato in Storia dell’esplorazione spaziale, nel 2009 ha creato la piattaforma di divulgazione a tema astronomico Link2universe, e il canale youtube Link4Universe nel 2012.

Paolo Bellutta
Ingegnere, lavora al Jet Propulsion Laboratory - NASA a Pasadena in California. Dal 2008 è parte del progetto Mars Science Laboratory: dopo aver partecipato alla selezione del punto di atterraggio, ha percorso, come rover driver di Curiosity, la distanza più lunga su Marte
.

30
Homo Faber
Il secondo appuntamento vedrà alcuni esempi reali di Homo Faber: l'uomo come artefice, capace di creare, costruire, trasformare l'ambiente e la realtà in cui vive, adattandoli ai suoi bisogni. In questa occasione verrà ospitata una finale degna di un talent show scientifico: i 7 progetti candidati alla Photonics Challenge 2019 si sfideranno infatti in brevi sessioni da 3 minuti l'una per raccontare i prototipi realizzati e ricevere giudizi e commenti dalla Giuria Tecnica, che valuterà ciascun progetto secondo i criteri di Originalità, Tecnologia, Design, Comunicazione.
A fare da controcanto alle scelte dei giudici la giuria popolare, che al termine delle presentazioni potrà confermare il giudizio dei giudici o ribaltarne il risultato, eleggendo il candidato più comunicativo.
Prima del verdetto finale, Alberto Ferlenga, rettore IUAV, parlerà al pubblico di innovazione tecnologica, design e startup.

 
 
Condividi
 
 
 
Conferenza
Dove
Quando
12 marzo, 9 aprile e 7 maggio, ore 20.30
Orari
Ore 20.30
Per chi
Tutti
Biglietto
Ingresso libero, prenotazione obbligatoria