MUSE Fuori Orario - Conferenza: L'ibis eremita

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
MUSE Fuori Orario torna – mercoledì 4 giugno alle 20.45 – con la storia di un progetto di salvaguardia di una specie di uccello ad altissimo rischio di estinzione, l'ibis eremita

A raccontare la sua esperienza di "padre e istruttore di volo" di un gruppo di ibis sarà Johannes Fritz, ricercatore e pilota di ultraleggeri che nel 2004, alla guida del suo deltaplano, ha condotto per la prima volta a destinazione presso l'Oasi WWF di Orbetello dieci giovani ibis.

Un tempo, l'ibis eremita abitava il territorio del Tirolo storico e i dati parlano di una sua estinzione, dovuta a una eccessiva pratica venatoria, già nel XVII secolo. Negli ultimi anni però alcuni esemplari sono stati visti transitare nel territorio trentino e altoatesino. Merito di un progetto iniziato nel 2002 nella regione di confine tra l'Austria e la Germania, il Waldrappteam, attraverso il quale un gruppo internazionale di biologi sta cercando di restituire alla vita selvatica un gruppo di ibis nati in cattività.

Gli ibis eremita sono uccelli migratori e per questo i genitori adottivi cercano di insegnare loro la rotta migratoria per le aree di svernamento attraverso le Alpi.
 "Avere una colonia di questa specie sul versante meridionale delle Alpi, oltre alle due attualmente in fase di sviluppo sul versante settentrionale" spiega Osvaldo Negra del Muse "avrebbe un senso rispetto alle finalità del progetto che vede le Università di Bolzano, Trento e Innsbruck cooperare per la tutela e l'incremento della biodiversità. Bolzano e Trento sono sulla rotta degli ibis, dunque è legittimo chiedersi cosa possiamo fare. Certo, qualsiasi passo in questa direzione andrebbe preceduto da un approfondito studio di fattibilità e da un'attenta valutazione dell'eventuale ricettività o "vocazione" territoriale a supportare una popolazione permanente di ibis". 

L'Ibis Eremita è una specie considerata a rischio critico di estinzione (inserita nella red list della IUCN). Il suo areale di distribuzione è limitato al Marocco, dove una popolazione di 500 esemplari [la più grande esistente] trova riparo nel parco di Souss-Massa e Tamri, qualche segnalazione sporadica è stata fatta in Mauritania, ma non sufficiente a considerare la specie fuori dal rischio di estinzione. Si calcola che in natura ne esistano al massimo 700 esemplari.
 
 
Condividi
 
 
 
Conferenza
Dove
Quando
4 giugno 2014
Orari
ore 20.45
Per chi
Tutti
Biglietto
ingresso libero
Fino alle 23.00 ingresso ridotto (7,00) al museo