Giulio Coniglio e l’Ursus Ladinico

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
Martedì 30 giugno alle 16.00 il coniglio più amato dai bambini arriva al Muse per un incontro davvero speciale. Il personaggio di Giulio Coniglio, nato dalla matita della nota illustratrice triestina Nicoletta Costa, verrà infatti coinvolto in una storia che lo vedrà protagonista di un'avventura con un famoso orso preistorico altoatesino, L'Ursus Ladinicus.

Nel 1987 veniva rinvenuto nella Grotta delle Conturines in Alta Badia, a 2.800 metri di altezza, lo scheletro di un orso vissuto più di 50.000 anni fa. La scoperta è avvenuta per caso durante una spedizione alla ricerca di concrezioni di origine calcarea chiamate, per la loro forma antropomorfa, "bambole di Travenanzes". Da questo storico avvenimento, l'attore Simon Kostner ricostruirà in chiave favolistica l'affascinante vicenda del ritrovamento dei reperti paleontologici dell'orso, finendo per imbattersi nel libro "Giulio Coniglio e la Scienza" di Nicoletta Costa e Febe Sillani.

Al termine dello spettacolo sarà possibile scoprire dalla voce dell'autrice di Giulio Coniglio come nasce un personaggio a fumetti, come si definisce il carattere, come vengono immaginati e costruiti i luoghi in cui si muoverà e interagirà il personaggio. Al termine del racconto i bambini saranno coinvolti in un laboratorio di disegno per dare vita, attraverso penne, matite e colori, a mille storie dedicate all'incontro fra questi due personaggi fantastici.
"Ci vuole coraggio - afferma l'autrice di Giulio Coniglio - per affrontare il foglio bianco con determinazione. Bisogna avere un piccolo progetto in testa, se si sbaglia niente paura, c'è un foglio nuovo che ci aspetta!"

L'appuntamento è parte della rassegna "Libro nella roccia", festival di libri per bambini nato nel 2014, che proseguirà in Alta Badia, dal 15 luglio al 16 agosto.

L'ingresso è libero. E' gradita la prenotazione allo 0461 270311

 
 
Condividi
 
 
 
EventoLaboratorio
Dove
Quando
30 giugno 2015
Orari
16.00
Per chi
Famiglia
Biglietto
Ingresso libero. E' gradita la prenotazione