Omosessualità: fra natura e cultura

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
Il 17 maggio, oltre alla Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia, si celebra la Notte dei Musei, promossa dal Consiglio d’Europa. E' in questa speciale occasione che il MUSE ospita un incontro che si pone l'obiettivo di affrontare il tema dell'omosessualità da un punto di vista biologico e antropologico. 

Da un punto di vista strettamente biologico l'omosessualità può essere definita “contro natura”? Esistono comportamenti omosessuali e forme organizzate di relazioni omosessuali nelle diverse specie animali? La sessualità nelle diverse specie animali ha semplicemente uno scopo riproduttivo? La comunità scientifica come definisce oggi l'omosessualità nella specie umana? 

Se il concetto di “contro natura” ha però poco ha a che fare con il mondo delle scienze naturali e molto con un concetto di “natura” definito da un modello culturale dominante, quali cambiamenti culturali hanno reso possibile la “normalizzazione” dell'omosessualità e delle famiglie omogenitoriali in molti Stati occidentali negli ultimi anni? E cosa rende ancora difficoltoso questo percorso nel nostro Paese? 

A queste e tante altre domande cercheranno di rispondere la biologa Lisa Signorile, autrice di Il coccodrillo come fa – La vita sessuale degli animali (Codice edizioni, 2014) e Alice Caramella, ricercatrice in Democrazia e diritti umani presso il dipartimento di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Genova.

Moderano Osvaldo Negra, zoologo e mediatore culturale e Paolo Cocco, ecologo comportamentale.
 
 
Condividi
 
 
 
Conferenza
Dove
Quando
17 maggio 2015
Orari
18.30
Per chi
Tutti
Biglietto
Ingresso libero