Incontri al museo per parlare di fauna

{Bookmark CONDIVIDI}
{Bookmark VOTA SOCIAL}
 
​​Tornano gli “Incontri al museo per parlare di fauna”, le tradizionali occasioni che - a cadenza mensile - permettono di avvicinarsi con prospettive sempre nuove alle ricerche e agli studi sulla biodiversità animale e sulla conoscenza e conservazione della natura.
Modera gli incontri Paolo Pedrini, zoologogia dei vertebrati MUSE

Foto di copertina Marco Colombo


Prossimi appuntamenti

5 febbraio
"Specie invasive: una crescente minaccia per la biodiversità e una sfida per la comunicazione" con Piero Genovesi, ISPRA.

Le specie aliene, le specie trasportate dall’uomo intenzionalmente o accidentalmente al di fuori dei loro areali naturali, sono in crescita esponenziale in tutti i gruppi tassonomici, in tutti gli ambienti e in ogni regione del Paese, compresi gli ambienti alpini, causando crescenti impatti alla biodiversità e al nostro benessere. Durante l’incontro verranno presentati approcci innovativi per comunicare il tema delle specie invasive, con riferimento al progetto Life ASAP mirato ad aumentare la consapevolezza sul tema delle specie aliene, ed al libro per bambini “Per un Pugno di Ghiande”. 

Biografia
Piero Genovesi
Responsabile Servizio Coordinamento Fauna di ISPRA e Presidente del gruppo specialistico dell’IUCN sulle specie invasive. Tra i maggiori esperti di specie invasive, ha collaborato con i maggiori organismi internazionali su questo tema, coautore della strategia europea sulle specie invasive. Nel 2018 e 2019 inserito nella lista dei ricercatori più citati al mondo in ambito ecologico e ambientale. Attivo nella divulgazione è co-autore del libro “Per un Pugno di Ghiande” di editorialescienze.


4 marzo
"La gestione del gambero di fiume in Trentino: sfide e opportunità" con Cristina Bruno, Fondazione Edmund Mach.

Il gambero di fiume Austropotamobius pallipes è una specie minacciata di estinzione elencata come specie animale d'interesse comunitario la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di conservazione.Durante l’incontro verranno raccontate le ricerche svolte dai ricercatori FEM e MUSE che nel corso dell’ultimo decennio hanno messo in luce la necessità di adottare misure urgenti per la conservazione della specie sul territorio provinciale, e hanno portato nel 2017 alla realizzazione del Piano di Gestione per il gambero di fiume in Trentino, prodotto nell’ambito del Progetto LIFE+T.E.N. (Trentino Ecological Network).

Biografia
Maria Cristina Bruno
Ricercatrice permanente dell’unità di Idrobiologia della Fondazione Edmund Mach, biologa, da più di 30 anni studia gli ecosistemi di acque superficiali e sotterranee. Dal 2006 svolge la sua ricerca in Trentino, concentrando la sua attività su torrenti e fiumi alpini e montani, analizzando gli effetti degli impatti antropici e del cambiamento climatico sulle comunità e sugli ecosistemi.


25 marzo **EVENTO ANNULLATO**
"La situazione del lupo nelle Alpi e le nuove prospettive dal LIFE Wolfalps EU" con Francesca Marucco, Ente di Gestione Aree Protette delle Alpi Marittime - Centro di Referenza regionale Grandi Carnivori.

1 aprile **EVENTO ANNULLATO**
"Passato, presente e futuro del popolo delle rocce; un racconto sull'evoluzione e l'ecologia del camoscio delle Alpi" con Luca Corlatti & Luca Pedrotti, Parco Nazionale dello Stelvio.

6 maggio
"Studiare la fauna selvatica nell'Antropocene: racconti di foto-trappolaggio dalle foreste pluviali alle Alpi" con Francesco Rovero, Università di Firenze.


Appuntamenti passati

4 dicembre 
"Paesaggi bestiali" con Marco Colombo
Un affascinante viaggio alla scoperta della biodiversità italiana. Dalle profondità del Mediterraneo, dove si nascondono misteriosi crostacei e molluschi variopinti, ai pendii erbosi che ospitano cervi volanti e spire di serpenti, per arrivare a gufi, caprioli e predatori, incluso il fantasma dei boschi, il gatto selvatico. L'autore racconterà aneddoti del suo lavoro di campo e l'importanza della conservazione degli ambienti naturali.

Biografia
Marco Colombo muove i primi passi nell'ambito della fotografia naturalistica nel 1999. Guida Ambientale AIGAE ed istruttore di immersione subacquea, è laureato presso l'Università degli Studi di Milano in Scienze Naturali con due tesi di erpetologia. 
Sue foto, articoli scientifici e divulgativi sono stati pubblicati su diverse riviste del settore, e nel 2007 ha scoperto una nuova specie di ragno in Sardegna. "Paesaggi bestiali" è il suo terzo libro fotografico. Attualmente è consulente scientifico del programma GEO di Rai3 di cui è regolarmente ospite.


8 gennaio
"L'insospettabile diversità dei mammiferi volanti nelle Alpi" con  Dino Scaravelli, Università di Bologna​​​​​ & Claudio Torboli, Albatros srl.
I chirotteri sono mammiferi molto speciali: volano, possono cambiare la propria temperatura a piacimento, sono dotati di raffinati meccanismi di eco-localizzazione, vivono nelle foreste, nelle grotte e persino nelle nostre case. Eppure, conosciamo ancora ben poco di queste piccole meraviglie evolutive, che nelle notti estive volteggiano sfuggenti sopra le nostre teste.

Biografia
lli
a.

Claudio Torboli
Naturalista, laureato a Pavia, entra a far parte della società Albatros di Trento nel 1993 e da allora collabora a numerose ricerche e indagini in campo faunistico. Da oltre vent'anni segue le indagini sui Chirotteri della Provincia di Trento in collaborazione con il MUSE e il Servizio Sviluppo Sostenibile e Aree Protette della Provincia Autonoma di Trento.
 
 
Condividi
 
 
 
Conferenza
Dove
Quando
4 dic 2019, 8 gen, 5 feb, 4 mar, 1 apr, 6 mag, 3 giu 2020
Orari
ore 20.45
Per chi
Tutti
Biglietto
Ingresso libero